Statuto dell’Associazione

Art. 1 – Costituzione

1. l’Associazione Nazionale Ex allievi Nunziatella costituita nel 1950, ha sede in Napoli presso la Scuola Militare.

Art. 2 – Scopi dell’Associazione

L’Associazione, che non ha scopi politici:

  • tiene vivo, nell’amore per l’Italia, lo spirito e le tradizioni della Nunziatella, riconoscendone l’alto valore formativo per l’inserimento degli allievi nella società, in qualità di militari o civili;
  • promuove ogni utile iniziativa per affermare il ruolo formativo delle Scuole Militari;
  • promuove riunioni per le manifestazioni ufficiali dell’Istituto e favorisce, sia a livello nazionale che periferico, ogni iniziativa in campo culturale, sportivo e sociale, che tenda a rafforzare solidarietà e cameratismo tra gli ex allievi. Ogni iniziativa di rilievo (delle Sezioni e dei singoli soci), che coinvolga il nome della Nunziatella e/o dell’Associazione, deve essere formalmente sottoposta al Consiglio Nazionale, che deve esprimersi con parere motivato, nella sua prima riunione;
  • sollecita ed attiva iniziative tendenti a favorire una diffusa ed appropriata conoscenza della “Nunziatella” per la più qualificata selezione di allievi, istruttori e docenti; si adopera per il mantenimento della storica sede della Scuola che le conferisce un singolare rilievo sociale e culturale, non rinvenibile in alcuna altra collocazione urbana.
  • tiene vivi i contatti con le analoghe Associazioni delle Scuole Militari nazionali, comunitarie e internazionali

Art. 3 – Soci – Ammissione all’Associazione

1.Fanno parte dell’Associazione, a domanda, gli ex allievi che abbiano frequentato la Scuola almeno per un anno, che ne condividono gli scopi e che non siano stati allontanati dalla Scuola se non per motivi di salute. Ne fanno altresì parte, a domanda, gli ex Allievi della disciolta Scuola Militare di Roma.

2. La Giunta esecutiva delibera sulle domande di ammissione ovvero, nell’anno in cui si celebrano le elezioni, delibera sulle domande di ammissione fino alla data di indizione delle stesse;

3. Sono soci d’Onore dell’Associazione gli ex Allievi decorati di medaglia d’oro e d’argento al V.M., i decorati di medaglia d’oro al V.C., i decorati dell’Ordine Militare d’Italia, i Cavalieri di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana, i Presidenti onorari dell’Associazione.

4. L’Assemblea può deliberare, su proposta del Consiglio Nazionale, l’iscrizione tra i soci d’Onore di ex Allievi che si siano distinti per altissimi meriti nella vita civile, militare, associativa.

Art. 4 – Perdita della qualifica di socio

1. La qualifica di socio si perde per:

  • dimissioni
  • decadenza per morosità
  • espulsione

2. La Giunta prende atto delle dimissioni dall’Associazione che devono essere formalizzate per iscritto e dispone la cancellazione del socio dall’anagrafe associativa. La Giunta, entro l’ultimo trimestre dell’anno nel quale si configura la morosità, registra la decadenza dall’Associazione del socio inadempiente.

3. Il Consiglio può sospendere ed espellere dalla Associazione, previa istruttoria e contestazione agli interessati da parte della Giunta, gli associati che mostrino per fatti concludenti di non condividere lo spirito e gli scopi dell’Associazione.

4. Gli aspiranti non ammessi e gli associati decaduti o espulsi possono presentare ricorso ai probiviri, nel termine assegnato. Quando siano cessate le ragioni della decadenza e/o dell’espulsione gli interessati possono essere riammessi. Il socio decaduto che chiede di essere riammesso deve sanare la morosità dell’anno nel quale è stato dichiarato decaduto e versare la quota dell’anno corrente. Il socio riammesso non è candidabile a cariche elettive che cadono nell’anno solare della riammissione.

Art. 5 – Albo d’Onore

I Caduti in guerra, le Vittime del dovere, i decorati di medaglia d’oro e d’argento al V.M. e i decorati di medaglia d’oro al V.C., i decorati dell’Ordine Militare d’Italia, i Cavalieri di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana, i Fondatori dell’Associazione, i Presidenti onorari dell’Associazione, sono iscritti d’ufficio nell’Albo d’Onore dell’Associazione.

2 L’Assemblea può deliberare, su proposta del Consiglio Nazionale, l’iscrizione all’Albo d’Onore anche di ex allievi ed associati che si siano distinti per altissimi meriti nella vita civile, militare e associativa.

Art. 6 – Organizzazione periferica

1. L’Associazione è organizzata in tutto il territorio nazionale in Sezioni a livello regionale e in una “Sezione Estero”. Gli associati appartengono alle Sezioni in ragione della residenza o dell’abituale domicilio. Le Sezioni hanno sede presso i domicili dei Presidenti pro tempore o in altro luogo deciso dalle Assemblee delle Sezioni

2. Le Sezioni hanno facoltà di regolamentare la propria organizzazione e la propria attività, nel rispetto delle norme e degli scopi del presente Statuto. I Regolamenti delle Sezioni e le loro variazioni nel tempo devono essere trasmessi alla Segreteria nazionale.

3. L’autonomia finanziaria delle Sezioni è assicurata da una parte della quota associativa e da eventuali ulteriori contributi che possono essere richiesti dalla Sezione medesima ai soci.

4. Possono essere costituiti dalla Sezione competente per territorio gruppi a livelli di territorio, di attività o di insieme di corsi, finalizzati alla migliore o maggiore partecipazione alla vita associativa.

5. Costituiscono Sezioni uniche, ad ogni fine del presente Statuto: Piemonte e Valle d’Aosta, Abruzzo e Molise, Campania e Basilicata. In relazione al sopravvenire di diverse esigenze il Consiglio Nazionale può determinare accorpamenti diversi, sentite le Sezioni interessate.

6. Ciascuna Sezione risponde in via autonoma ed esclusiva delle obbligazioni eventualmente contratte con i terzi.

7. Il Consiglio Nazionale, con proprie determinazioni, indica modo e forme di partecipazione e di supporto alle iniziative nazionali da parte delle Sezioni. Le Sezioni comunicano e coordinano preventivamente con il Consiglio Nazionale le iniziative che comunque impegnino il nome, il carattere ed il prestigio dell’Associazione.

8. Le Sezioni inviano, entro il primo quadrimestre dell’anno successivo, il rendiconto contabile e una relazione al Consiglio Nazionale sulla gestione annuale e rendono il conto di attività o manifestazioni delegate dal Consiglio medesimo.

9. L’organizzazione delle Sezioni deve ispirarsi, per analogia, all’organizzazione Nazionale tenuto conto del numero dei soci e delle circostanze locali.

10. Organi obbligatori delle Sezioni sono comunque l’Assemblea degli appartenenti alla Sezione, il Consiglio Direttivo ed il Presidente. L’Assemblea elegge il Consiglio direttivo in coincidenza con il rinnovo del Consiglio Nazionale, e questo il Presidente, il Segretario e le eventuali altre cariche sociali.

Art. 7 – Quota associativa

1. Gli ex allievi iscritti entro l’anno della conclusione del corso, sono esenti dalla quota associativa per tale anno e per quello successivo.

2. Gli ex allievi pagano la quota annua ridotta della metà fino al compimento del 25° anno di età. I Soci d’Onore e gli iscritti all’Albo d’Onore sono esentati dall’obbligo di pagare la quota associativa.

2. La quota d’iscrizione, di importo corrispondente alla quota associativa dell’anno, è versata in un’unica soluzione all’atto dell’ammissione, alla Segreteria Nazionale.

3. Le quote annuali successive devono essere versate dall’associato entro il 31 marzo

4. La quota è unica e non può essere riscossa parzialmente né dalle Sezioni né dall’Associazione. L’importo è fissato, entro il 31 ottobre dell’anno in corso ed a valere per l’anno successivo, dal Consiglio che ne determina anche le modalità di riscossione. Il Consiglio delibera anche la parte necessaria all’attività delle Sezioni già costituite ed operanti.

5. La regolarità dalla posizione associativa è attestata dal bollino applicato sulla tessera associativa intestata all’Associazione Nazionale.

Art. 8 – Assemblea Nazionale

1. L’Assemblea è formata da tutti gli iscritti alla Associazione in regola con il pagamento della quota sociale dell’anno alla data fissata per la riunione.

2. Gli iscritti vi partecipano personalmente o con delega scritta da conferirsi ad altro socio ex allievo avente diritto a partecipare all’assemblea. Ciascun delegato può essere portatore di non più di due deleghe. Non è ammessa delega quando si tratta di modifiche dello Statuto.

3. L’Assemblea è convocata entro il 30 novembre di ogni anno mediante avviso, contenente l’elenco degli argomenti all’o.d.g., il luogo, la data e l’ora previsti per la riunione, da inviare almeno 30 giorni prima a tutte le Sezioni o ai singoli soci con lettera ordinaria o con e-mail per coloro che ne abbiano fatto richiesta oppure mediante pubblicazione sull’organo ufficiale dell’Associazione. Copie della relazione morale del Presidente e della relazione finanziaria sono messe a disposizione dei soci, che vogliano prenderne conoscenza preventivamente, presso la Segreteria Nazionale e presso le Sezioni, i 30 giorni prima dell’Assemblea.

4. L’Assemblea può essere convocata in via straordinaria su decisione del Consiglio Nazionale o quando ne facciano richiesta almeno 4 Sezioni o 150 soci.

5. L’Assemblea designa il Presidente e, su indicazione di questo, il Segretario della riunione. L’Assemblea delibera, a maggioranza, qualsiasi sia il numero dei presenti:

  • sugli indirizzi per il conseguimento delle finalità statutarie;
  • sulla nomina del Presidente Onorario;
  • sull’iscrizione di soci d’Onore come da art.3
  • sulla relazione morale e finanziaria;
  • sulle eventuali vertenze di carattere economico-organizzativo tra Sezioni ed Organi sociali;
  • sugli altri argomenti all’o.d.g.

6. L’Assemblea decide su eventuali ricorsi avverso le operazioni elettorali.

7. L’Assemblea decide, con la presenza di almeno il 4% dei soci, su proposte di modificazioni dello Statuto.

Art. 9 – Il Presidente Onorario

1. L’Assemblea può nominare un Presidente Onorario dell’Associazione, fissando la durata della relativa funzione.

2. Il Presidente Onorario è membro di diritto del Consiglio.

Art. 10 – Il Consiglio Nazionale

1. Il Consiglio Nazionale è costituito da 15 membri elettivi, tra i quali almeno due di età inferiore a 31 anni. Ne fanno parte, di diritto, con voto deliberativo:

  • il Presidente Onorario;
  • gli ex Presidenti;
  • i Presidenti delle Sezioni o Soci della Sezione delegati dal Presidente della stessa;
  • il Presidente della Fondazione Nunziatella o suo delegato, con voto deliberante esclusivamente in merito agli argomenti che riguardano la Fondazione;
  • il Comandante della Scuola.

2. Partecipano ai lavori del Consiglio, con voto consultivo, i Revisori dei conti nonché ex allievi, istruttori, professori o esperti individualmente chiamati a parteciparvi dalla Giunta esecutiva per ragioni specifiche.

3. L’elettorato attivo e passivo per la composizione della Giunta esecutiva e delle cariche sociali spetta ai Consiglieri elettivi, ai quali – a questo scopo – è riservata la seduta d’insediamento.

4. I membri non elettivi hanno facoltà e non obbligo di partecipare alle sedute del Consiglio.

5. Il Consiglio è validamente costituito, in ogni caso, se siano presenti almeno 8 dei suoi membri elettivi.

6. Il Consiglio si riunisce con congruo preavviso, almeno ogni tre mesi, o quando ne facciano richiesta almeno 7 consiglieri anche non elettivi. Il Consiglio delibera a maggioranza assoluta di voti.

7. Il Consiglio:

  • convoca l’Assemblea;
  • elegge, con modalità e limiti indicati dal capoverso 3 che precede, i membri della Giunta esecutiva, il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario, il Vice Segretario, il Tesoriere dell’Associazione e due membri dell’Ufficio di Segreteria.
  • approva la relazione del Presidente in vista dell’Assemblea;
  • approva la relazione finanziaria ed i rendiconti presentati dalla Giunta;
  • attua le deliberazioni dell’Assemblea;
  • cura l’organizzazione e lo sviluppo della Associazione e ne tutela il prestigio e lo spirito;
  • formula direttive per rendere uniformi le modalità di esternazione della vita associativa locale e coordina le attività delle Sezioni rivolte a scopi comuni o di interesse generale;
  • formula il programma annuale delle manifestazioni sociali;
  • indica i settori per i quali è opportuno designare un responsabile all’interno della Giunta;
  • nomina la Commissione elettorale;
  • determina le condizioni per la costituzione ed il funzionamento delle Sezioni;
  • può sospendere gli organi delle Sezioni per gravi inadempimenti o violazioni dello Statuto e può nominare un delegato “pro tempore”;
  • può nominare singoli ex allievi o Commissioni di lavoro, su proposta o a ratifica di provvedimenti di Giunta, per compiti speciali, assegnando responsabilità e fondi necessari e fissando modalità e limiti;
  • può delegare a singole Sezioni attività di interesse generale;
  • può, su proposta motivata della Giunta, espellere soci dall’Associazione;
  • può, su proposta motivata della Giunta, riammettere nell’Associazione soci già espulsi;
  • può proporre e decidere sulle iscrizioni all’Albo “Amici della Nunziatella” (art. 25).

8. I componenti elettivi del Consiglio, assenti ingiustificati per tre sedute in un anno solare, sono considerati decaduti dalla carica e devono essere sostituiti con il primo dei non eletti.

9. Il Consiglio decade in caso di dimissioni di due terzi dei membri elettivi.

10. Modalità e condizioni per svolgimento e decisioni sono disciplinate dal Regolamento dei lavori del Consiglio.

Art 11 – La Giunta esecutiva

1. La Giunta esecutiva è composta: dal Presidente, dal Vice Presidente, dal Segretario, dal Vice-Segretario, dal Tesoriere e da 2 membri dell’Ufficio di Segreteria.

2. Nel proprio seno la Giunta, con provvedimenti sempre modificabili, può attribuire incarichi e nominare responsabili secondo necessità ed in relazione a singoli settori.

3. La Giunta esecutiva:

  • esegue le deliberazioni del Consiglio;
  • delibera, in via d’urgenza, anche in materie riservate al Consiglio, salvo ratifica;
  • decide sulle domande di ammissione all’Associazione ovvero, nell’anno in cui si celebrano le elezioni, delibera sulle domande di ammissione fino alla data di indizione delle stesse;
  • decide sulle dimissioni dall’Associazione;
  • registra la perdita della qualifica socio dei morosi;
  • vigila sull’attività delle Sezioni, perché sia conforme allo spirito dell’Associazione e si svolga nel rispetto dello Statuto in aderenza ai principi generali da esso desumibili ed in analogia con i criteri ivi accolti;
  • riferisce al Consiglio per eventuali provvedimenti;
  • esamina le proposte provenienti dalle Sezioni e, se necessario, le sottopone al Consiglio;
  • propone al Consiglio di delegare (o delega in via d’urgenza) a singoli associati o a Commissioni di lavoro compiti specifici, con obbligo di rendiconto;
  • propone al Consiglio di delegare a singole Sezioni attività di interesse generale;
  • cura i rapporti con la Scuola e con gli allievi;
  • organizza manifestazioni ufficiali in concomitanza con le ricorrenze dell’Istituto o dei singoli corsi di ex allievi;
  • cura iniziative sociali per la migliore reciproca conoscenza degli associati e per rafforzarne la solidarietà e il cameratismo;
  • concede il patrocinio dell’Associazione ad iniziative culturali di singoli soci (e di gruppi) o le assume direttamente, favorendo la più larga partecipazione pubblica;
  • amministra i beni dell’Associazione e provvede alla tenuta di documenti contabili;
  • esamina, entro il mese di settembre, la relazione finanziaria, il rendiconto annuale consolidato (gestione centrale e delle Sezioni) e il bilancio di previsione per l’anno a seguire redatti dal Tesoriere e provvede all’inoltro di relazione, rendiconto e bilancio di previsione al Consiglio Nazionale, in tempo utile per la presentazione all’Assemblea Nazionale;
  • tiene l’inventario di pubblicazioni e documenti (anche fotografici ed informatici) della Associazione e lo aggiorna;
  • cura i rapporti con le Sezioni ed i soci attraverso informazioni e pubblicazioni periodiche.

4. La Giunta esecutiva delibera validamente, se è presente la metà più uno dei suoi membri, a maggioranza assoluta dei presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente.

5. I membri della Giunta esecutiva, con esclusione del Presidente, decadono dalla Giunta e dalla carica di origine ove non partecipino – qualsiasi sia il motivo – a tre riunioni consecutive. Della decadenza dovrà esserne data immediata comunicazione al Consiglio Nazionale perché possa provvedersi al reintegro delle cariche nella prima seduta Consiliare.

Art. 12 – Il Presidente

1. Il Presidente:

  • è espressione dell’unità e dell’operante solidarietà degli iscritti;
  • ha la rappresentanza legale dell’Associazione;
  • convoca il Consiglio e la Giunta esecutiva;
  • garantisce l’osservanza dello Statuto;
  • svolge annualmente la relazione morale alla Assemblea.

Art. 13 – Il Vice Presidente

1. Il Vice Presidente:

  • sostituisce il Presidente, in caso di assenza od impedimento, nonché quando questi gliene dia incarico;
  • svolge i compiti a lui assegnati dal Presidente.

Art. 14 – Il Segretario

1. Il Segretario:

  • coordina l’attività degli organi sociali dell’Associazione
  • coordina e dirige l’Ufficio di Segreteria, di cui fa parte con il vice Segretario e due membri eletti dal Consiglio;
  • prepara le riunioni del Consiglio e della Giunta e vi assiste in qualità di verbalizzante;
  • sottoscrive con il Presidente le delibere e vi dà esecuzione;
  • cura l’elenco dei soci e tiene aggiornato il Sin;
  • cura, attraverso la stampa sociale e il Sin, l’informazione puntuale e tempestiva ai soci ed alle Sezioni sugli atti e le decisioni degli organi sociali, sui fatti salienti e le attività dell’Associazione;
  • custodisce l’Albo d’Onore, l’Albo “amici della Nunziatella”, l’anagrafe di quanti, ai sensi dell’art. 4, abbiano perduto la qualifica di soci, i registri degli atti dispositivi, quelli delle riunioni consiliari e di Giunta, dei Revisori dei Conti e dei Probiviri, i registri delle schede ed il verbale delle operazioni elettorali;
  • predispone i dati necessari per la relazione morale
  • coordina l’attività degli organi sociali dell’Associazione..

Art. 15 – L’ Ufficio Segreteria

1. E’ composto dal Segretario, che ne dirige e coordina i lavori, dal Vice Segretario e da due membri a cui sono affidati dal Segretario i seguenti compiti specifici:

  • collegamento con le sezioni regionali;
  • comunicazione agli associati;
  • ufficio stampa e visibilità verso l’esterno

Art. 16 – Il Tesoriere

1.Il Tesoriere:

  • cura la parte contabile e l’amministrazione di tutti i beni della sede centrale, dando esecuzione alle delibere del Consiglio Nazionale e della Giunta Esecutiva;
  • provvede alla tenuta dei libri contabili; alle operazioni di riscossione e di pagamento nonché alla custodia dei fondi sociali ed ai depositi di conti correnti bancari e postali dei quali ha la firma disgiunta da quella del Presidente;
  • redige la relazione, il rendiconto annuale e il bilancio di previsione dell’anno a seguire, che, concertati con la Giunta esecutiva ed esaminati in Consiglio Nazionale, vengono presentati all’Assemblea Nazionale per l’approvazione.

Art. 17 – Il Collegio dei Revisori dei conti

1. Si compone di 5 membri elettivi, di cui 3 effettivi e 2 supplenti e si riunisce trimestralmente.

2. Verifica gli atti contabili dell’Associazione, ne segue l’amministrazione e ne riferisce all’Assemblea.

Art. 18 – Il Collegio dei Probiviri

1. Il Collegio dei Probiviri è composto da 5 membri elettivi.

2. E’ il garante della correttezza della vita associativa. Ad esso possono fare direttamente ricorso tutti organi della associazione e i singoli associati.

3. Esso decide sui ricorsi avverso la non ammissione, la sospensione o l’esclusione dall’Associazione, decide inoltre sulle vertenze eventualmente insorte tra gli associati, tra questi e gli organi sociali, nonché tra gli organi sociali nazionali. Esprime pareri, a richiesta della Giunta o del Consiglio, sull’esclusione di un socio e sull’adozione di provvedimenti meno gravi che attengono al rapporto tra l’associato e l’Associazione.

4. I Probiviri devono sentire gli interessati che possono presentare documenti e memorie e possono farsi rappresentare.

5. Il Collegio deve esprimere il proprio giudizio in tempi brevi e, comunque, entro tre mesi dalla proposizione del ricorso.

6. Gli associati possono chiedere il riesame del giudizio presentando nuove memorie ed osservazioni.

Art. 19 – Elezioni

1. Le elezioni sono indette, sei mesi prima della scadenza del mandato, dal Consiglio, che fissa la data di svolgimento delle operazioni elettorali di votazione e di scrutinio.

2. Il Consiglio nomina la Commissione elettorale, composta da 5 membri scelti tra associati che non intendono candidarsi.

3. Hanno diritto al voto alle cariche sociali tutti gli iscritti ex allievi in regola con il pagamento della quota sociale relativa all’anno delle elezioni. Sono eleggibili alle cariche sociali tutti gli iscritti in regola con il pagamento della quota sociale relativa all’anno delle elezioni, escluso chi sia stato riammesso per sanata morosità in quell’anno.

4. I soci potranno comunque dimostrare di essere in regola con i pagamenti, fino al giorno precedente alle operazioni di voto.

Art. 20 – Operazioni elettorali

1. Il Consiglio Nazionale, quando indice le elezioni, redige un elenco di candidati in numero non inferiore alla metà del numero dei membri da eleggere la cui candidatura per particolari benemerenze o per attività svolte a favore dell’Associazione sia raccomandabile. I designati, in caso di accettazione della candidatura vengono inseriti nell’elenco dei candidati.

2. Ciascuna Sezione, attraverso delibera della propria Assemblea, redige un elenco di candidati in numero non superiore a cinque per il Consiglio Nazionale e a due per il Collegio dei Probi Viri e per quello dei Revisori dei Conti.

3. Entro 60 giorni dall’indizione delle elezioni possono essere presentate alla Commissione candidature, sottoscritte da 20 associati, che indicheranno – in modo leggibile – oltre il proprio nominativo anche gli anni di corso. Tali proposte sono limitate a 5 nominativi per l’elezione del Consiglio ed a 2 per i Revisori ed i Probiviri. Ogni proponente può sottoscrivere un solo elenco di candidati.

4. I candidati devono esprimere la loro accettazione per iscritto, anche in calce alla candidatura indi-rizzata alla Commissione elettorale.
Non è consentito candidarsi contemporaneamente al Consiglio Nazionale, al Collegio dei Probiviri ed a quello dei Revisori dei Conti.

5. I Componenti uscenti del Consiglio Nazionale, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri possono ricandidarsi esprimendo tale volontà all’atto dell’indizione delle elezioni.

6. Le schede elettorali riportano, in ordine alfabetico e con annotazione degli anni di nascita, i candidati presentati dal Consiglio Nazionale, dalle Sezioni, quelli proposti come indicato al capoverso 3 che precede e i Componenti uscenti del Consiglio Nazionale, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri ricandidatisi, nei limiti e con le modalità di cui ai capoversi che precedono. L’apposizione sulla scheda di altri nomi, di segni diversi dalle crocette affianco ai nomi dei candidati o il superamento del numero di voti esprimibili comporta l’annullamento della scheda.

7. Avverso la proclamazione degli eletti è ammesso ricorso all’Assemblea, da depositare entro 30 giorni presso l’Ufficio di Segreteria.

8. L’Assemblea è convocata entro 60 giorni a cura del Presidente del nuovo Consiglio, o, in mancanza, del primo degli eletti.

9. Le fasi e le procedure delle operazioni elettorali sono disciplinate dal Regolamento elettorale che è parte integrante dello Statuto. Le modifiche al Regolamento sono approvate dall’Assemblea con le stesse modalità e condizioni previste per le modifiche statutarie (art. 23)

Art 21 – Patrimonio dell’Associazione

1. Il patrimonio dell’Associazione è costituito:

a) dai beni di proprietà dell’Associazione;

b) dalle quote di iscrizione ed annuali;

c) dai contributi, donazione, lasciti o da quanto altro possa pervenire all’Associazione a qualunque titolo;

d) dai proventi di attività varie, preventivamente autorizzate dal Consiglio Nazionale;

e) dalle rendite del Fondo Sociale.

Art 22 – Cariche sociali

1. Le cariche sociali hanno la durata di quattro anni e non sono cumulabili tra loro, né con le cariche delle Sezioni e dei gruppi provinciali.

2. Le cariche sono tutte gratuite; rimborsi spese o indennità per incarichi fuori sede possono essere riconosciuti di volta in volta dalla Giunta o dal Consiglio.

3. Il Presidente non è rieleggibile dopo due mandati consecutivi.

Art. 23 – Attuazione e modifiche dello Statuto

1. Ove necessario, il Consiglio con deliberazioni regolamentari disciplina le modalità di attuazione dello Statuto.

2. Le norme del presente Statuto possono essere modificate dall’Assemblea, a maggioranza dei presenti, se questi rappresentino almeno il 4% degli iscritti.

3. La sede dell’Associazione è immodificabile.

Art. 24 – Scioglimento dell’Associazione o delle Sezioni

1. In caso di scioglimento delle singole Sezioni, il Consiglio delibera circa l’utilizzazione del patrimonio della Sezione. L’eventuale proposta di scioglimento dell’Associazione dovrà essere posta all’o.d.g. dell’Assemblea e dovrà riportare il voto del 50% degli iscritti in regola con i pagamenti.

2. In caso di scioglimento, l’Assemblea determinerà anche la destinazione del patrimonio sociale, al momento esistente, devolvendolo, preferibilmente ad opere di beneficenza, a favore degli iscritti indigenti e loro familiari, oppure trasferendo mobili ed immobili alla Scuola o ad altro Ente che ne garantisca la conservazione.

Art. 25 – Albo Amici della Nunziatella

E’ istituito l’Albo “amici della Nunziatella”. Su proposta del Consiglio e previa accettazione degli interessati vi sono iscritti le vedove, i figli e i genitori degli ex Allievi deceduti, nonché gli ufficiali in servizio permanente, gli insegnanti e i cappellani dopo almeno un anno di servizio presso la Scuola. Inoltre vi è iscritto, su proposta del Consiglio Nazionale e previa accettazione dell’interessato, chi, pur estraneo alla Scuola, operi con particolare impegno per la Nunziatella e per l’Associazione e ne condivida gli ideali.

Gli “Amici della Nunziatella” non sono tenuti a pagare la quota annua ma possono, se lo ritengono e nella misura che vogliono, versare annualmente un contributo alle spese associative; gli “Amici della Nunziatella” partecipano ai servizi ed agli incontri associativi, non partecipano ad attività e decisioni degli organi statutari, né ne fanno parte.

 

Norma transitoria: Gli ex Allievi usciti dalla Scuola nel 2008 e iscritti nello stesso anno sono esonerati dal pagamento delle quote per il 2009 e per il 2010. Gli ex Allievi usciti dalla Scuola nel 2007 e iscritti in quell’anno sono esonerati dal pagamento della quota per il 2009.

 

 

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE ELEZIONI

Art.1 – Limiti e modifiche del Regolamento

Il presente Regolamento costituisce parte integrante dello Statuto dell’Associazione Nazionale ex Allievi Nunziatella.

Il Regolamento definisce i criteri di elezione dei 15 Consiglieri Nazionali, dei componenti dei Collegi dei Probiviri e dei Revisori dei Conti così come dagli articoli 10, 17 e18 dello Statuto nonché le modalità relative alle operazioni elettorali, così come previsto agli articoli 19 e 20 dello Statuto stesso.

Le norme del presente Regolamento possono essere modificate da successive delibere dell’Assemblea Nazionale, nei termini e con le stesse modalità stabilite per le variazioni dello Statuto (art. 22 dello Statuto).

Art. 2 – Elettori

Sono elettori i soci che al momento della votazione sono in regola con il pagamento della quota per l’anno in corso.

Art. 3 – Candidati

Sono eleggibili i soci che al momento della candidatura sono in regola con il pagamento della quota per l’anno in corso esclusi coloro che nello stesso anno sono stati riammessi per sanata morosità.

Il Consiglio Nazionale, quando indice le elezioni, redige un elenco di candidati, in numero non inferiore alla metà del numero dei membri da eleggere al Consiglio Nazionale, al Collegio dei Probi Viri ed al Collegio dei Revisori dei Conti, la cui candidatura sia raccomandabile per particolari benemerenze o per attività svolte a favore dell’Associazione. Ciascuna Sezione, attraverso delibera della propria Assemblea, redige un elenco di candidati in numero non superiore a cinque per il Consiglio Nazionale, a due per il Collegio dei Probi Viri e a due per il Collegio dei Revisori dei Conti. Entro 60 giorni dall’indizione delle elezioni possono essere presentate alla Commissione candidature, sottoscritte da 20 associati, che indicheranno – in modo leggibile – oltre il proprio nominativo anche gli anni di corso. Tali proposte sono limitate a 5 nominativi per l’elezione del Consiglio ed a 2 per i Revisori ed i Probiviri. Ogni proponente può sottoscrivere un solo elenco di candidati.

Tutti i candidati devono esprimere la loro accettazione per iscritto, anche in calce alla candidatura indirizzata alla Commissione elettorale.

I Componenti uscenti del Consiglio Nazionale, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri possono ricandidarsi esprimendo tale volontà all’atto dell’indizione delle elezioni.

La Commissione, che nomina nel suo seno un Presidente e un Segretario, può farsi coadiuvare anche da altri associati dandone atto nel verbale delle operazioni.

Le operazioni elettorali si svolgono nella sede dell’Associazione.

La Commissione elettorale:

  • riceve dal Segretario Nazionale le indicazioni delle candidature presentate dal Consiglio Nazionale, quelle presentate dagli associati, come detto al 2° capoverso del presente articolo, e quelle indicate dai Presidenti delle Assemblee di Sezioni, nonché le ricandidature dei Componenti uscenti del Consiglio Nazionale, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri;
  • verifica la regolarità delle posizioni associative dei candidati e dei soci sottoscrittori delle candidature;
  • compila l’elenco dei candidati, previa verifica della regolarità della presentazione e della accettazione, nonché delle ricandidature dei Consiglieri uscenti;
  • predispone la scheda elettorale riportandovi i candidati in ordine alfabetico e con le indicazione del corso e dell’anno di nascita.

Art. 4 – Elezioni

La Commissione elettorale:

  • spedisce agli elettori, almeno 45 giorni prima della data delle elezioni, le tre schede elettorali di colore diverso, timbrate e siglate dal Presidente della Commissione;
  • sulla scorta degli elenchi forniti giornalmente dalla Segreteria Nazionale, spedisce agli elettori che hanno regolarizzato la posizione associativa successivamente alla data di cui sopra le tre schede elettorali timbrate e siglate dal Presidente della Commissione;

L’elettore:

  • sulla scheda per l’elezione del Consiglio Nazionale deve apporre una crocetta accanto ai nomi dei candidati prescelti (massimo 15)
  • sulla scheda per l’elezione del Collegio dei Probi Viri deve apporre una crocetta accanto ai nomi dei candidati prescelti (massimo 5);
  • sulla scheda per l’elezione del Collegio dei Revisori dei Conti deve apporre una crocetta accanto ai nomi dei candidati prescelti (massimo 5)
  • restituisce le schede tutte insieme in busta chiusa se presentate personalmente o in doppia busta chiusa (la esterna completa del nome del votante e l’interna bianca e contenente le schede) se spedite a mezzo posta; il tutto deve pervenire in Associazione entro la data fissata per le operazioni di scrutinio

La Commissione Elettorale:

  • registra le schede pervenute, le custodisce e, alla data fissata, procede agli scrutini;
  • annulla le schede che presentano segni diversi dalle crocette accanto ai nomi dei Candidati, l’aggiunta di nomi diversi dai Candidati elencati o un numero di preferenze superiore a quello consentito;
  • proclama gli eletti e ne dà comunicazione al Segretario dell’Associazione, al quale consegna il verbale di scrutinio, firmato dal Presidente e dal Segretario della Commissione, e tutto il materiale elettorale, comprese le schede racchiuse in apposito plico, per la custodia e archiviazione per la durata del mandato.

Risultano eletti a Consiglieri:

  • i primi cinque candidati, che avranno raggiunto il maggior numero di voti, tra quelli che non abbiano fatto parte del Consiglio uscente;
  • i primi due candidati, che avranno raggiunto il maggior numero di voti, tra quelli di età non superiore a 30 anni, se non già ricompresi in quelli di cui sopra;
  • gli altri candidati, a completamento dei 15 Consiglieri elettivi, che avranno raggiunto il maggior numero di voti.

Risultano eletti nel Collegio dei Probiviri i cinque candidati che avranno raggiunto il maggior numero di voti.

Risultano eletti nel Collegio dei Revisori dei Conti i cinque candidati che avranno raggiunto il maggior numero di voti: i primi tre come effettivi e gli altri due come supplenti.

Il Segretario nazionale comunicherà con immediatezza agli interessati l’avvenuta elezione.

Avverso la proclamazione è ammesso ricorso all’Assemblea, da depositare entro 30 giorni presso la Segreteria dell’Associazione.